Chi ha paura di una super-intelligenza artificiale?

Anche il fondatore di Microsoft Bill Gates la teme, unendosi ad Elon Musk e Stephen Hawking

Il fondatore di Microsoft Bill Gates si è unito al coro di esperti preoccupati per il manifestarsi di una super-intelligenza artificiale. "Sono tra quelli preoccupati per la super intelligenza" - ha sostenuto Gates partecipando a una sessione di 'Ask Me Anything' (chiedetemi qualsiasi cosa), sul sito Reddit. "All'inizio le macchine faranno molto lavoro per noi e non saranno super intelligenti. Questo sarà positivo se ben gestito. Alcune decadi dopo, tuttavia, l'intelligenza sarà forte abbastanza da diventare una preoccupazione. Sono d'accordo con Elon Musk e altri su questo e non capisco perché alcune persone non siano preoccupate". Elon Musk aveva definito una super-intelligenza artificiale come "potenzialmente più pericolosa delle armi nucleari", in un post su Twitter dello scorso agosto: "Gli umani, limitati da una lenta evoluzione biologica, non potrebbero competere e sarebbero surclassati. Dobbiamo andarci con estrema calma sull'IA. È potenzialmente più pericolosa delle armi nucleari".
intelligenza-artificiale,singolarita-tecnologica,bill-gates,elon-musk,stephen-hawking,eric-horvitz
Anche l'astrofisico Stephen Hawking ha recentemente espresso alcune riserve in proposito, dichiarando alla BBC che "lo sviluppo di una piena intelligenza artificiale potrebbe segnare la fine della razza umana". Eric Horvitz, informatico e direttore di Microsoft Research, si è detto invece più ottimista. In un recente post ha dichiarato che "gli scenari da giorno dell'apocalisse da intelligenza artificiale appartengono più al regno della fantascienza che alla scienza reale".