Quando ricordare ci fa dimenticare

Il continuo richiamare alla memoria i ricordi a cui si pensa più spesso provoca il degradarsi degli altri

Una ricerca scientifica realizzata dalla "University of Birmingham" in collaborazione con la "MrcCognition and Brain Sciences Unit" di Cambridge e pubblicata sulla rivista "Nature Neuroscience", ha studiato come la nostra mente tende a eliminare i ricordi passati per lasciare più spazio alla memoria, ed evitare sovrapposizioni. I ricercatori sono riusciti a identificare e a isolare per la prima volta il processo responsabile del consolidamento dei ricordi nel nostro cervello, grazie a tecniche di neuroimaging e risonanza magnetica funzionale. A quanto pare il continuo richiamare alla memoria gli episodi a cui si pensa più spesso provoca il degradarsi di ricordi contrastanti. "Siamo abituati a pensare all'atto del dimenticare come qualcosa di passivo. La nostra ricerca rivela che le persone sono più attive di quanto si rendano conto nel plasmare ciò che ricordano della loro vita. L'idea che ricordare possa causare l'oblio è sorprendente", afferma Michael Anderson della "MrcCognition and Brain Sciences Unit" di Cambridge, co-autore dello studio. Il nostro cervello dimentica in pratica attivamente ciò che potrebbe confonderci.
memoria,amnesia,cervello,scienza,birmingham,cambridge
"In ambiente scientifico era noto che potesse esistere questo fenomeno", ha commentato Maria Wimber della Birmingham University "ma credo che la gente si stupirà nell'apprendere di questo lato oscuro della nostra memoria". Lo studio sarebbe inoltre molto importante per tutto ciò che riguarda le dichiarazioni rese da testimoni. Sempre secondo la Wimber: "I risultati sono rilevanti per tutto ciò che si basa sulla memorizzazione, esempio calzante le testimonianze oculari. Quando un testimone viene sollecitato a raccontare informazioni specifiche su un evento e viene interrogato più e più volte, questa ripetizione potrebbe andare a discapito dei ricordi ad essa associati, dando l'impressione che la sua memoria sia discutibile. Effettivamente il richiamo ripetuto di quei dettagli ne sta causando il degrado".