Video - Uncanny Valley, un corto che non parla di robotica

Nei ghetti del futuro, drogati di realtà virtuale soddisfano gli istinti più violenti immersi in un mondo online

"Uncanny Valley" (di 3dar) è un interessante corto di fantascienza che prova ad esplorare il potenziale oscuro della prossima rivoluzione tecnologica. No, non parla di robotica, come il titolo potrebbe suggerire ("uncanny valley" è quel fenomeno per il quale la sensazione di familiarità e piacevolezza generata da robot e automi antropomorfi aumenta al crescere della loro somiglianza con la figura umana, fino ad un punto in cui l'estremo realismo - non perfetto al 100% però - si trasforma in una sensazione di repulsione). Il corto parla invece di realtà virtuale. Ciò nonostante, la valle del video è senza dubbio "uncanny". La trama è intrigante fin dall'inizio: nei ghetti del futuro, i drogati di realtà virtuale soddisfano gli istinti più violenti immersi in un mondo online. Un giocatore scoprirà a sue spese come la linea sottile che divide il mondo fisico dal virtuale stia iniziando a dissolversi.